Leopardi Giacomo. Crestomazia italiana cioè scelta di luoghi insigni o per sentimento o per locuzione raccolti dagli scritti italiani in prosa di autori eccellenti d'ogni secolo.
Milano, presso Ant. Fort. Stella e figli, 1827.
2 parti in 2 volumi in-12° (cm. 17), legatura coeva in mezza pelle con titolo in oro su tasselli verdi, filetti in oro ai dorsi, tagli spruzzati; pp. 744 a numerazione continua, in ottimo stato, sporadiche fioriture e un piccolo strappo senza alcun fastidio al solo margine bianco delle ultime due carte per un taglio maldestro delle pagine; timbro privato al frontespizio depennato con inchiostro antico. Edizione originale, non facile a trovarsi completa dei due volumi usciti a qualche mese di distanza l'uno dall'altro e poi riuniti. Libro antologico preceduto dall'inedito leopardiano Ai lettori (pp. 3-6). «In questa operazione, svolta nella biblioteca di famiglia, si riscontra l’attività che dagli anni infantili ha caratterizzato la vita propria di Giacomo. Non ci sarebbe Leopardi senza biblioteca di Recanati» [A. Vigorelli, Leopardi educatore, modulo III, Lezione 21]. «Non più soltanto un repertorio di esempi di bello scrivere, ma una veduta d'insieme della letteratura italiana» [G. Bollati, Introduzione alla Crestomazia Italiana, Einaudi 1968].  Cfr. Mazzatinti-Menghini 665; Parenti 308; Catalogo del fondo leopardiano 95. Ottimo esemplare. (SD4)
© Gabriele Maspero Libri Antichi
Email: info@masperolibri.com
P.IVA 02941820132